Skip to content

La verità sui sacchetti di plastica biodegradabili

sacchetti di plastica biodegradabili

Non è stato ancora provato che i sacchetti di plastica biodegradabili non danneggiano l’ambiente. Ma per fortuna abbiamo alternative come le borse di stoffa riutilizzabili e lavabili.

Cosa sono le plastiche convenzionali

Plastica convenzionale:

⇨ Materiali chimici sintetici derivati da materie prime non rinnovabili come carbonio (molto ricco di carbonio) e petrolio (idrocarburo di origine fossile).

⇨ Sono il risultato di processi di polimerizzazione… : la moltiplicazione di lunghe catene di atomi di carbonio.

È un materiale malleabile a caldo e resistente a freddo.

♺ Sono riciclabile in alcuni dei loro tipi.

Decomposizione della plastica convenzionale

Non sono biodegradabili . Questo significa che non si reintegrano in il ciclo del carbonioe lasciare residui sul pianeta.

⇨ Il tempo di degradazione di una plastica convenzionale varia tra 150 e 1000 anni, a seconda del tipo di plastica;

Ma non si degrada mai completamente:

Durante la loro decomposizione per radiazione solare (l’unico processo capace di degradare la plastica convenzionale), questo materiale non cambia mai la sua composizione chimica, semplicemente perde forza e si rompe in pezzi sempre più piccoli fino a raggiungere un diametro inferiore a 5mm. A questo punto, sono diventati ciò che chiamiamo microplastica. Pezzi così piccoli che finiscono in mare, e quindi nell’acqua che beviamo e nello stomaco degli animali marini che mangiamo.

Non si sa ancora quanti danni possano essere causati alla nostra salute dall’ingestione di microplastiche. Ma si è già visto che causa la morte di piccoli animali marini e uccelli marini riempiendo i loro stomaci di plastica.

Cosa sono le plastiche biodegradabili?

Plastica biodegradabile:

⇨ Sono materiali organici, in teoria, poiché derivano da materie prime rinnovabili come grano, mais, soia, manioca, patate, banane, cellulosa, legumi ricchi di acido lattico e canna da zucchero.

Non sono riciclabili.

Decomposizione della plastica biodegradabile

In teoria, sì, sono biodegradabili. Questo significa che possono essere scomposti, per l’azione di organismi viventi (come animali, piante, funghi e microrganismi). Quando questi organismi consumano una plastica biodegradabile, provocano la conversione di questo materiale, attraverso un processo di ossidazione, in acqua, anidride carbonica e biomassa. In questo modo, si integrano di nuovo nella natura senza lasciare residui. Ma perché questa degradazione avvenga, è necessario un certo ambiente umido con temperature elevate costanti e una sufficiente ossigenazione.

Non tutte le plastiche biodegradabili sono in grado di biodegradarsi in breve tempo . Questo dipende dal loro modo di fabbricazione. Alcune tecnologie utilizzate per la creazione di plastiche biodegradabili hanno come risultato la trasformazione di un residuo vegetale (i suddetti materiali organici utilizzati per la fabbricazione di plastiche biodegradabili) in un polimero con le stesse proprietà di una plastica convenzionale (a base fossile). Questo dà alla plastica la qualità di essere più resistente e di non degradarsi a breve termine.

A questo proposito, il 28 aprile 2019, la rivista Ambiente, scienza e tecnologiaha pubblicato uno studio intitolato “Deterioramento ambientale di sacchetti di plastica biodegradabili, oxo-biodegradabili, compostabili e convenzionali nel mare, nel suolo e all’aria aperta per un periodo di 3 anni.

In cui ha esaminato le plastiche convenzionali, biodegradabili, oxo-biodegradabili e compostabili per un periodo di 3 anni. Questi materiali sono stati esposti a 3 diversi ambienti naturali: immersi nell’acqua, sepolti sottoterra e all’aperto.

Per quanto riguarda lo studio sui sacchetti compostabili (il compostaggio è un tipo di biodegradazione):
  • Nel primo caso, il sacchetto compostabile si è disintegrato completamente dopo 3 mesi.
  • Nel secondo caso, il sacco non si era ancora decomposto dopo 27 mesi, ma aveva perso la sua forza.
  • E nel terzo caso, dopo 9 mesi, la borsa si era solo frammentata in diversi pezzi.

Nel complesso, dopo aver studiato il comportamento di ciascuno dei diversi tipi di sacchetti di plastica nei 3 diversi ambienti, è stato dimostrato che non era certo che nessuno di essi si sarebbe decomposto completamente dopo 3 anni.

Quindi, secondo lo studio, “non è chiaro che le formulazioni oxo-biodegradabili o biodegradabili forniscano tassi di degradazione sufficientemente avanzati per essere vantaggiosi nel contesto della riduzione dei rifiuti marini rispetto ai sacchetti convenzionali”.

Lo studio è stato condotto da Professore Richard C. Thompsom e i suoi studenti all’Università di Plymouth. Il Dr. Imogen Napper era uno dei partecipanti allo studio:

Questo è un video che mostra il risultato dell’esperimento:

Alternative: borse riutilizzabili e lavabili

Dato che finora non abbiamo abbastanza prove che anche i sacchetti biodegradabili non siano un problema per l’ambiente e gli esseri viventi, compresi noi, propongo una soluzione ragionevole che molte persone stanno già mettendo in pratica.

Si tratterebbe di comprare alcune borse di tela TNT, tante quante pensiamo ci servano per la nostra spesa regolare. In questo modo non avremmo più bisogno di usare i sacchetti di plastica offerti dai negozi.

Nella seguente infografica mostro un confronto tra le borse di stoffa riutilizzabili e lavabili e le borse di plastica usa e getta, che userei per un anno di spesa. Tenendo presente che io personalmente uso 6 sacchetti ogni volta che vado a fare la spesa e lo faccio una volta alla settimana.

Cosa ne pensi di tutto questo, hai letto qualche studio conclusivo recentemente sulla plastica biodegradabile, pensi che nel dubbio è meglio essere sicuri che dispiaciuti e quindi è meglio cercare di usare cose riutilizzabili, pensi che l’accumulo di plastica non è reale o non inquina, pensi che l’accumulo di plastica non è reale o non inquina, pensi che è meglio essere sicuri che dispiaciuti?

Qualunque sia il tuo punto di vista, lascia il tuo commento qui sotto ☟ Mi piacerebbe chiacchierare con te!