Saltar al contenido

I migliori alimenti da provare a Napoli, Italia [e dove trovarli].

I migliori alimenti da provare a Napoli, Italia [e dove trovarli].

Che si tratti di visitare Napoli per una gustosa avventura gastronomica, di esplorare rovine abbaglianti o di vivere la vita della città per le strade, le profumate pizzerie e trattorie napoletane attirano le vostre papille gustative come le antiche sirene locali che chiamano il pescatore di un tempo. Ascoltate il loro richiamo e assecondateli, ma non dimenticate di includere queste specialità gastronomiche napoletane nel vostro viaggio gastronomico.

La Santissima Trinità della Pizza
Napoli è la città natale della pizza e la sua stessa identità evoca immagini fumanti di questo famoso piatto. Recentemente l’Unesco ha riconosciuto la pizza tradizionale napoletana e la figura dei Pizzaiuoli come una fetta di storia degna di essere inserita nella lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità dell’Unesco.

Rispetto al croccante cugino romano, il pizzaiolo napoletano deve seguire rigide linee guida di ingredienti e produzione derivate da secoli di storia per essere riconosciuto come una vera pizza napoletana. Cercate il marchio dell’Associazione Vera Pizza Napoletana, orgogliosamente esposto nei ristoranti che includono solo gli ingredienti consentiti e completano tutte e quattro le fasi di produzione necessarie per ottenere questa meravigliosa torta.

La pizza napoletana si presenta solo in due autentiche varianti ufficialmente riconosciute: la margarita al fior di latte e basilico o la semplice marinara con pomodori locali, EVOOO, origano e aglio. Entrambe utilizzano solo farina “00” (di solito di marca Caputo) ad alto contenuto di proteine e glutine, fondamentale per ottenere le caratteristiche bollicine della crosta. Anche se non tecnicamente autentica, l’aggiunta di un cucchiaio di ricotta fresca è un’usanza locale molto diffusa.

Provate la pizza di ricotta e scarola e lo spirito di Enrico Caruso vi infonderà l’anima e ispirerà la vostra entusiasmante interpretazione di O’sole mio. Per un assaggio di ciò che è reale visitate il locale: L’Antica Pizzeria da Michele o la Pizzeria Gino Sorbillo. Ricordate che la pizza viene servita generalmente a cena e non a pranzo, quindi programmate il vostro menù degustazione di conseguenza.

la pizza napoletana
Foto di Johanna Erin Jacobson
Seguire le regole a Napoli è considerato facoltativo, quindi assicuratevi di esplorare e confrontare alcune pizze sconvolgenti che rompono gli stereotipi. Da provare le pizze che infrangono le regole al Ristorante Pizzeria Gorizia 1916 nel quartiere del Vomero o al Ristorante Ciro a Margellina sul lungomare della Chiaia.

la pizza di napoli
Foto di Johanna Erin Jacobson
Per completare la vostra trilogia di pizze non perdetevi la pizza fritta, che consiste in pasta fritta, che consiste in pasta fritta macchiata da deliziose sacche d’aria ottenute combinando acqua minerale frizzante e farina fritta ad un croccante marrone dorato e sapientemente impilata in alto con i tradizionali condimenti, il tutto ordinatamente piegato per il cibo di strada definitivo da portare via. Provatene uno: Di Matteo o tenete gli occhi aperti per una pizza a portafoglio alla Pizzeria Tutino. Non dimenticate di gustare anche una montanara – una variante della pizza fritta servita a viso aperto e disponibile per essere assaggiata durante i nostri migliori tour a Napoli.

Fritto tutto
Il pellegrinaggio per la migliore cucina napoletana non può prescindere dalle specialità di strada, famose in tutto il mondo, che si trovano nelle friggitorie, a partire dall’a’cuopo di paranza. Chiamarlo semplicemente pesce fritto non rende giustizia a questo piatto da leccarsi le dita. I primi pesci locali, chiamati pesce azurro, vengono impanati e fritti in un lampo davanti ai vostri occhi affamati.

Il mix può variare ma generalmente comprende gamberetti, polpi, merluzzi, cefali (non la pettinatura ma il pesce), sogliole, acciughe e se si è estremamente fortunati cicineielli. Questi ultimi sono minuscoli pesciolini, con i loro minuscoli occhi ancora intatti che vi supplicano di continuare a mangiare perché hanno un sapore così buono.

Il tutto è avvolto ordinatamente in un imbuto di carta marrone che risolve comodamente sia il problema della visita turistica, sia quello di sgranocchiare tutta questa bontà salata e di assorbire l’olio extra di cottura del pesce croccante. Il paradiso. Provate uno dei nostri preferiti: Passione di Sofi nel centro storico.