Saltar al contenido

La migliore pizza di Roma: dalla focaccia alla pinsa

La migliore pizza di Roma: dalla focaccia alla pinsa

La pizza è probabilmente una delle prime cose che viene in mente quando si sceglie un ristorante a Roma, ma poiché la città offre così tanta scelta può essere una sfida trovare la migliore pizzeria della città. Pizza napoletana, pizza romana, pinsa, focaccia… può essere difficile vedere il bosco per gli alberi. Lasciate che vi aiutiamo ad iniziare dandovi cinque delle nostre pizzerie preferite dove non potrete mai sbagliare!

Antico Forno Roscioli
Se passeggiate per Campo dei Fiori e vi viene fame, questo è il posto perfetto per mangiare un po’ di pizza in viaggio: questi bambini sono cotti in fette lunghe un metro e mezzo e venduti a pezzo. Questo panificio è stato aperto nel 1972, il che lo rende uno dei più antichi di Roma. I Roscioli che preparano le pizze oggi fanno parte della terza generazione che lavora nell’azienda di famiglia e il loro panificio è tra i più amati nel centro storico di Roma. Realizzano ogni tipo di variante di pizza: rossa (alla romana: sottile e croccante), bianca (un po’ più spessa, come la versione romana della focaccia) e focaccia (un tipo di pane simile alla pizza che si può ottenere liscia o con tutti i tipi di condimento). Se volete provare il vero classico, prendete una semplice pizza bianca, condita con olio d’oliva e sale. Chiedete una pizza “da portare via” (da portare via) per farla avvolgere nella carta o mangiarla fresca in uno dei tavoli all’aperto.

Pizzeria Da Remo
Questa classica pizzeria è senza dubbio la più popolare nell’autentico quartiere popolare di Testaccio e una delle migliori pizzerie di Roma: troverete una lunga fila di persone – per lo più locali – che aspettano fuori per sedersi a quasi ogni sera. Non accettano prenotazioni, quindi assicuratevi di arrivare presto (prima delle 8, che è quando inizia l’ora di cena italiana) o pensate all’attesa come parte dell’esperienza. La loro pizza è del classico tipo romano: piatta e croccante, fatta in un forno a legna. Più è semplice, meglio è una regola non scritta che vale sia per l’interno senza pretese, sia per i camerieri diretti e disinvolti ma simpatici camerieri, sia per il cibo stesso. All’arrivo, vi verrà consegnato un pezzo di carta con il menu e vi verrà chiesto di indicare con una penna la pizza scelta. I classici – Margherita (pomodoro, mozzarella, basilico fresco e olio), fiori di zucca (fiori di zucchina, acciughe e formaggio) e Marinara (pomodoro, aglio, origano e olio) – sono un’ottima scelta. Volete iniziare con un antipasto? Saltate i fritti e prendete un piatto di fagioli all’olio, un vero classico romano.

L’Antica Pizzeria Da Michele
Pizza al trancio con diversi condimentiGli amanti della pizza romana potrebbero non approvare questo ristorante, in quanto è una dipendenza romana della più popolare pizzeria napoletana di tutta la città di Napoli, e quindi serve pizza alla napoletana (con un bordo alto e più morbido rispetto alla sua controparte romana). Ma non c’è dubbio che Michele sappia come preparare una pizza: l’ormai famoso ristorante ha aperto le sue porte nel 1870 nel centro di Napoli e da allora ha attirato persone da tutto il mondo – tra cui Julia Roberts che qui mangiò una pizza nel film Eat Pray Love. Qualche anno fa, Da Michele ha iniziato ad aprire dei franchising: a Roma, ce n’è uno vicino alla fontana di Trevi e uno vicino a Piazza del Popolo. Il famoso ristorante napoletano ha in menù solo due pizze, Margherita e Marinara, a dimostrazione che con ingredienti di buona qualità non c’è bisogno di complessità. Nei ristoranti in franchising romani sono stati aggiunti al menù altri tre classici classici napoletani: Napoletana (pomodoro, fior di latte, acciughe, origano e capperi), ‘O Cazone (carne di maiale, provola, ricotta e parmigiano in una pizza ripiegata) e Pizza Fritta (la stessa di ‘O Cazone, ma fritta). Se volete provare il classico per eccellenza, non dimenticate di ordinare una Margherita.

La Pratolina
Preferisci le pizze alla romana? Non dimenticate di visitare La Pratolina: non c’è niente di più romano di questo. In questo ristorante della pizza romana, tre tipi su un unico piatto di Prati (vicino al Vaticano), non servono pizza, ma pinsa: una pizza alla romana, di forma ovale, con una pasta più spessa e un po’ più digeribile della pizza classica per la sua leggerezza. La sua origine risale ai tempi degli antichi romani, rendendo la sua ricetta più antica di quella della pizza “normale”. I proprietari Marco e Fabrizio hanno iniziato nel 2001 e da allora sono diventati un punto di riferimento nella zona residenziale di Prati, attirando soprattutto gli abitanti del posto nella loro pizzeria “no-nonsense”. La mia preferita è la Burratissima, con pomodori freschi, rucola e burrata pugliese. Hai molta fame? Non dimenticate di provare le loro deliziose frittelle fatte in casa come antipasto: soprattutto quelle con fiori di zucca, mozzarella e acciughe sono deliziose. Dato che spesso si affolla, si consiglia di venire presto o di prenotare un posto in anticipo.

Pizza Berberè
Anche se i migliori ristoranti di Roma hanno spesso gli interni più semplici e con i piedi per terra, la Città Eterna vanta anche alcuni punti caldi di pizza davvero cool e alla moda. Se state cercando un